Sgobbamento.

Le mie vacanze sono già un po’ finite. Ebbene sì, da oggi ho iniziato di nuovo a studiare per i due esami in vista a settembre. Stamattina è stato il turno di Shakespeare e della Bisbetica domata. Tutto davvero molto interessante, non c’è ombra di dubbio, ma il 12 agosto dovrebbe essere un abominio parlare di studio.
Sul serio.
Spero davvero che questi sacrifici un giorno mi ricompenseranno. Soprattutto perché non ne posso più di vedere ovunque foto di cosce e piedi stesi al sole ad abbronzarsi. Io capisco l’impellente bisogno delle persone di comunicare al mondo che sono in vacanza a godersi la vita. Lo capisco e lo rispetto, però fateci vedere il mare, l’acqua, la sabbia, i paesaggi, i tramonti, non la pancia palesemente tirata (rigorosamente mentre si è stesi) e il pezzo di sotto del costume. Ve ne prego. Io vi posso far vedere il mio quadernino e le prime righe dei miei appunti su Shakespeare, se vi interessano.
Oggi, non so per quale motivo particolare, mi è venuta voglia di scrivere e ricevere lettere. Le e-mail sono molto più veloci e comode, una grande invenzione, ma mi è sempre piaciuto aprire le lettere, osservare la grafia, comprare i francobolli, imbucare le lettere di risposta.
Meraviglioso. Peccato si sia persa l’abitudine.
Vi lascio con un interrogativo: cosa ne pensate della vecchia corrispondenza a mano? E, soprattutto, per quanti di voi stanno studiando: avete qualche rimedio per il caldo e la voglia latitante?

quaderno

Shakespeare

15 commenti

Archiviato in Estate, Libri, Riflessioni, Studio, Uncategorized, Università, Vita

15 risposte a “Sgobbamento.

  1. Le foto dei piedi con vista mare sono una delle cose più terrificanti che la generazione Instagram ci ha proposto (e sta proponendo). Per ciò che concerne la corrispondenza a mano, trovo anche io che tutto il rituale che la contorna abbia il suo fascino. Ho anche ricevuto qualche lettera. Debbo dire che gli attimi di attesa prima di aprirla, avere la carta tra le mani, leggerla e rileggerla…sentire magari l’odore della persona che l’ha scritta. È una presenza. La mail è comunicazione, la lettera è presenza.

  2. Argh…stamattina invece di postare la fotografia di una signora immersa nell’acqua,mi era venuta voglia di mettere il mio piede sott’acqua tra le rocce.Fortuna che ho cambiato idea!
    Per quanto riguarda la corrispondenza a mano,era una piccola gioia,lo scrivere,lo spedire,l’attesa.Tutte sensazioni che si sono perse.Adesso la comunicazione è sicuramente piu’ immediata,ma ha perso carisma.
    E tu hai una splendida calligrafia🙂

  3. Conservo ancora le lettere scambiate con le amicizie del mare, ma purtroppo non ne mando più da tempo, l’unico vizio a cui non riesco a rinunciare è l’invio delle cartoline😀 (anche se lo spazio è sempre troppo limitato XD)
    Purtroppo quest’anno non ho nulla da spedire perché sono rinchiusa a scrivere la tesi, se scopri un metodo magico pro concentrazione fammi sapere!

    • Sai che ho una bacheca di sughero con cartoline da tutto il mondo? Credo ti piacerebbe. Anche io quest’anno sono rinchiusa in casa, purtroppo. Se scoprirò un metodo per la concentrazione ti avviserò subito, nel frattempo bevo thé freddo a litri. In bocca al lupo per la tesi!:)

  4. Ancora una volta mi ritrovo nelle tue parole: anch’io adoro la corrispondenza cartacea, tant’è che nel 2005 la tenevo con un’amica conosciuta al mare, ed era un’emozione immensa. Adesso continuo a scrivere lettere per quelle mie poche persone dell’élite, però non mi capita più di poterle inviare proprio; solo qualche mese fa, quando avevo il ragazzo che abitava a 600 km da Milano.
    Tra l’altro mi ritrovo anche nello studio, tant’è che per affrontare i test d’ingresso (con un anno di ripasso per scelta personale, ahimè) son nella tua stessa situazione, con l’unica differenza che il mare non mi manca.
    (E ti lascio quest’immagine del mese scorso: allegro studio in compagnia, della serie mal comune mezzo gaudio. E nel frattempo, t’abbraccio)

    • Oh, ma quanto sei dolce! Che facoltà hai scelto? Medicina?

      • Esattamente!
        Era la mia scelta da sempre, ma all’ultimo anno di liceo ho avuto qualche problema personale, e non sarei stata in grado di passare alcun test.
        Con il senno di poi meglio così, perchè è stato un anno emozionalmente molto pieno, e col disastro che s’è abbattuto ho avuto tempo per riprendermi.
        O forse sono tutte un po’ scuse.

        Però ho sempre avuto un debole per le materie umanistiche😀

      • Sfondi una porta aperta. Io studio lingue, ma mi hanno sempre affascinato anche la biologia e la medicina. Ad ogni modo quest’anno ti avrà fatto sicuramente bene e io ti faccio già da ora i miei migliori auguri. Sono sicura sarà solo il primo di tanti traguardi. Ti abbraccio anche io.

  5. Il 12 agosto è il mio compleanno. FESTA NAZIONALE!!! Devono lavorare solo i baristi e i ristoratori!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...