Cup cap’s coffee.

cupcakes fantastici

Ieri la mia sveglia ha suonato alle 06:00. Un orario barbaro che mi ha ricordato di buttarmi a capofitto nella vita. Lasciare il letto caldo è stata una delle prove di forza più dure della giornata, ma l’acqua fredda che mi ha lavato il viso mi ha aiutata. In realtà anche il vento che mi sferzava tutto il corpo mentre aspettavo l’autobus mi ha aiutata, a modo suo. In un modo molto meno gentile dell’acqua però. Il treno mi ha cullata fino a Napoli, mentre chiudevo gli occhi e pensavo alle parole della canzone di turno. I passeggeri che di volta in volta salivano mi ricordavano che non ero sola e, decisamente, non ero a letto.
L’unica lezione che dovevo seguire è stata più breve del solito, così ne ho approfittato per incontrare Sarah e Silvio.
Sarah è bassina, mingherlina e un concentrato di vita. La definirei il caffè delle mie giornate universitarie. Sempre a ridere, a scherzarci su o ad arrabbiarsi per cose che poi comunque la faranno ridere.
Silvio è un dolcissimo pugliese che ogni settimana ha una cotta per un ragazzo diverso. E ogni volta che ci vediamo mi consiglia delle ricette troppo articolate per me, ma lo lascio parlare perché vedo che si esalta tantissimo al pensiero di insegnarmi come cucinare.
Ci siamo visti in pieno centro storico e siamo andati in Piazza del Plebiscito. Ora farò pubblicità non occulta e spietata per questo posto, si chiama “Cup Cap’s coffee”. Si chiama così, ma io l’avrei chiamato anche paradiso. Decine e decine di tipi di cappuccino diversi. Al caramello, alla fragola, al cacao, caldo, freddo, ghiacciato, con la panna, all’americana, all’italiana. Di tutto. Colorati donuts spuntavano dalle teche di vetro, ripieni di ogni sorta di ben di Dio. E poi cheesecakes, torta agli oreo, muffins di tutte le dimensioni e gusti. Dopo aver provato un cappuccino degno di salire all’Olimpo dei cappuccini, ho mangiato una ciambellina con glassa al cioccolato e ripiena di nutella e crema. Un orgasmo culinario. Una di quelle cose che ti fa essere contento di essere vivo. E poi, non contenta, ho diviso una fetta di torta oreo con Silvio. A mia discolpa posso dire che era la mia colazione e il mio pranzo. A malincuore siamo usciti da quel paese dei balocchi e ci siamo diretti a Piazza del Gesù.
Tra pezzi di storia e turisti muniti di reflex abbiamo parlato della Poesia “Itaca” di Kavafis. Quella poesia è un inno alla vita e a tutto ciò che essa implica. Un inno al viaggio in tutte le sue forme.
Parlare con loro è stato distensivo, interessante, necessario, gratificante. Il sole ci baciava e le maniche lunghe iniziavano a dare fastidio. Mi mancherà tutto di questa città, dell’università, dell’odore di incenso per le strade, della bambina sul ciglio della strada che divorava un gelato, del chitarrista all’angolo che cantava dei pezzi suoi.
Ma non è questo il momento di pensarci. Li ho salutati con un sorriso quasi ingombrante, pieno di luce, e mi sono diretta di nuovo in stazione.
La vita è bella, bella, bella.

Annunci

11 commenti

Archiviato in A spasso nella mia vita, Amici, Riflessioni, Treni, Uncategorized, Università, Vita

11 risposte a “Cup cap’s coffee.

  1. Beh! le sei di mattina non è un orario barbaro ma quello giusto per godersi una bella giornata come quella che hai descritto.
    Sei sul finire del passaggio universitario? Lo deduco da uno degli ultimi passaggi.
    Immagino che sia delizioso stare in un posto come quello che hai descritto.
    A domani per conoscere come trascorri la domenica.

  2. La vita è bella davvero e poi se ci metti accanto stì dolcetti e il cappuccino al caramello…Mio dio che goduria!

  3. Accipicchia che fame e Napoli, per me, non è proprio dietro l’angolo…

  4. Fai venir voglia di sorridere e vivere! :*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...